Crea sito

CENTRO STUDI ECONOMICO E DI MERCATI AZIONARI  PER INVESTITORI E OPERATORI FINANZIARI

 ESCAPE='HTML'

• NUOVO - Proiezioni a breve titoli MIB 40, cambi, materie prime

Proiezioni prezzi per i titoli costituenti il MIB 40 ,cambi principali Euro e US$, petrolio, materie prime in abbonamento.

• Servizi  Centro Studi Borsa - Liste Indici di portafoglio- Gestire investimenti richiede affidarsi ai migliori. Un  servizio in abbonamento i diretto a investitori privati e risparmiatori 

 

 Studi  settoriali previsionali- Studi economici  settoriali per Italia e EU.

• Studi societari personalizzati ( bespoke)   Studi societari, valutazioni di aziende per acquirenti e venditori, rating. 

 

-

 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'

(nota: i prezzi azionari sono in blu - dividendi in giallo)

cliccare per ingrandire

Le liste di portafoglio   sono gestioni replicabili per mezzo di notiziari informativi e non sono strumenti finanziari e non richiedono   deposito di soldi in conto investimenti. I grafici e tabelle riportano le prestazioni ottenibili da un utente che replica gli indici in base ai rapporti che riceve in abbonamento con istruzioni di compravendite ogni 10 giorni.

 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'

EFFETTO DELLE  MISURE DI PREVENZIONE  CONTAGIO SULL'ECONOMIA

I grafici mostrano l'Impatto sul PIL reale   in Italia e EU delle misure anticontagio vigenti. Il   2020 si  prevede in recessione, 2021 in ripresa.  PIl ritorna sui livelli 2019 in EU nel 2022. In Italia previsti tempi piu' lunghi a causa  delle   maggiori  misure prevenzione  e della pausa estiva che rallenta la ripresa.  Occupazione in calo tra lo 0,5/1%, utili del settore privato -12% per l'italia e -10,5% per la EU.

elaborazione Studioeconomia

 ESCAPE='HTML'
     ESCAPE='HTML'

    Commentario Borsa Italiana alla settimana chiusa il  26-6-20

    L'indice MIB chiude  il 26-6   a 19.124 rispetto a 19.618 di 7 giorni prima per un calo  complessivo  del -2,52% su base settimanale facendo un po peggio  delle attese ma nei margini previsti.  La tendenza del mercato subisce piccole variazioni da + 0,06% a -0,63% sebbene   rimane  di bassa attendibilità ( vedi sotto per il significato) e per cui invariata. I valori azionari  hanno subito marcato calo negli ultimi mesi dovuto alla crisi economica e rimangono penalizzati a tutt'oggi dovuto alla incertezza sull'impatto sui conti societari che ancora non si sono assestati.  Nei fatti vi e' una difficoltà a quantificare il relativo impatto sui conti anunuali.  Le previsioni dei  risultati societari indicano oggi  un calo per l'anno 2020  di utili  tra il -5 e il  -7%  con settori piu' affetti  auto e correlati e settori meno, quali alimentari, farmaceutici, elettronica.  La situazione  potra' chiarirsi meglio sui dati del prossimo trimestre che saranno pubblicati a  Luglio.

    nota: Le proiezioni, se indicate,  mostrano  uno scenario possibile, in assenza di fatti imprevisti, secondo quanto l'indice ha mostrato nei mesi precedenti.  ( cos'e' una proiezione? ---> vai al link-)

    (elaborazioni studioeconomia)

    Indici e rendimenti 

    L'indice generale di borsa indica una prestazione volatile nel  medio-lungo periodo.  Ne consegue, che per chi vuole mantenere un portafoglio italiano, necessariamente si consiglia  ricorrere a  strumenti finanziari. Un investimento in un fondo anche fa, purche' sia selezionato con competenza: Esiste  l' indice di borsa, uno strumento  che presenta ottime convenienze sia nei costi (sotto 150 euro mensili)  che nella piena  disponibilita'  dei propri investimenti, nella semplicita' operativa   e che puo' offire  maggiori prospettive di crescita di valore azionario della media generale.

     Cliccare per ingrandire. (elaborazioni studioeconomia su dati ufficiali societa')

     ESCAPE='HTML'
     ESCAPE='HTML'

    Lo scenario borse internazionali vede una situazione in miglioramento  rispetto a 7 giorni fa con tendenze a breve che mostrano valori positivi  che da   -0,5% e -1% di 7 giorn fa vanno a +0,1%/ + 0,6% sebbene caratterizzate da bassa attendibilità e quindi di segno incerto.

    frequenza rilievi : 7 giorni

    nota: Le proiezioni indicano  uno scenario possibile, in assenza di fatti imprevisti, secondo quanto gli indici  hanno mostrato nei mesi precedenti.   ( cos'e' una proiezione? --->vai  al link).

    elaborazioni Studioeconomia ; fonte dati Investing.com.

     ESCAPE='HTML'

    I tassi italiani sono decisamente sopra le media europea ma  lo spread decresce. 

    (Elaborazioni studioeconomia su proiezioni  dati OECD)

     ESCAPE='HTML'
    Settore immobiliare - prezzi e locazioni
    Rendimenti immobiliari

    (elaborazioni e proiezioni  studioeconomia - cliccare per ingrandire)

    Le quotazioni immobiliari per  il 2018  registrano  una flessione dello 0,4% un linea con le previsioni facendo lievemente meglio per circa lo 0,33%.  La situazione di staticita' del mercato immobiliare dipende molto sia dalla tassazione sulla casa che dalla stabilita' degli affitti. Questi ultimi di fatto mostrano crescita minima a livello nazionale del 0,2% che si prevede proseguire nel biennio a venire per  una ripresa sotto le attese.  

     ESCAPE='HTML'

    di Andrea Carola

    •  Una possibile causa di disoccupazione giovanile

      Secondo le recenti cronache, la disoccupazione giovanile  raggiunge soglie superiori al 30% in Italia e ovunque nei paesi europei. Nel meridione e' di oltre il 50%. Il tasso di disoccupazione è quella frazione di lavoratori iscritti nelle liste in cerca di lavoro tra i 18 e i 25 anni  ma senza occupazione. Il quesito e' quindi: perche' i giovani soffrono piu disoccupazione degli adulti? E' un fatto connesso con la  situazione economica nazionale , con uno stato di  occupazioni non ufficiali, con insufficienti esperienze lavorative?  Vi è una altra verità che si evince da pareri e voci che si sentono qua e la; questa situazione potrebbe essere risultato di una discriminazione che non e' molto all'agenda oggi dei politici, quella su base dello stato civile. Questa e' quella pratica per cui si condizionano determinati benefici, nel caso un posto di lavoro, ad un avvenuto matrimonio.  Una discriminazione presente da secoli che riguarda sia uomini che donne, residua di epoche remote e che  si basa sul fatto che la gente deve dare segni di accettazione di  decoro etico sociale costituito dal matrimonio prima di essere assunta.  Siccome tra i giovani alta e' la percentuale di quelli non sposati, la disoccupazione dilaga. Una risposta semplice ma non proprio all'ordine dei regolamenti che si attua un po' con le persuasioni del caso in modo sregolato tra punti di assunzione di enti e società, complice la assenza di una legge specifica a prevenirla.  La discriminazione sullo stato civile ha un connotato etico cattolico  connesso con il preservare la base dei fedeli ed e' una pratica quindi a carattere semita.  Come si batte la discriminazione? Prima di tutto a livello politico si necessita una legge che la vieti anche a livello sindacale. Cio renderebbe piu' difficile agli addetti  imporre condizioni etiche  a  chi  in cerca di impiego.  Si dovrebbero condurre sondaggi per individuare i modi e la diffusione della pratica nonche campagne di sensibilizzazione dentro le aziende, sindacati e tra la gente per favorire le segnalazioni di abusi. Chiunque ne ha notizie sempre puo' comunicarlo a questo sito che ne verra' tenuta nota. 

    Una efficiente campagna contro la discriminazione su base stato civile con leggi potrebbe contribuire ad un aumento della occupazione abbastanza marcato, anche del 20% dove potrebbero essere una decina di milioni i lavoratori fuori dalle liste per motivi etici tra varie fasce di età.   (Luglio 2020)

     

    •  Il Covid-19 e il coinvolgimento dei cinesi

    Questo editoriale discute del virus Covid-19. Questo centro studi ha rilevato ed applicato, all'inizio del contagio lo scorso marzo, propri modelli quantitativi a stimare la sua possibile crescita ( leggi studio). Si è ipotizzatoì una sacca di contagio esistente gia quando i primi casi sono venuti all'ufficialità. Oggi, alla luce anche delle ricerche e verifiche condotte da istituti delle sanita' italiana ed estera, si delinea una situazione di un virus che si è rilevato essere in giro da prima del Febbraio 20 ma da non più di due mesi dal suo primo apparire. In Italia si è parlato di novembre/dicembre 19. In accordo con la sintomatologia non proprio facile da individuare poichè confondibile con ordinari e malattie simili, sarebbe stato un fatto inspiegabile alla ragione comune una così pronta scoperta ed il fatto porta senz'altro a supporre che essa possa essere già nota per essere stata rilevata così da subito. Un ricercatore di settore potrebbe forse confermare che i tempi di clandestinità di una malattia come questa potrebbero essere lunghi ben oltre i due mesi. Se ciò vero  porterebbe a supporre che i cinesi monitorassero i pazienti e ì malati di malattie di sintomatologia simile per un possibile contagio dal virus e che fossero già preparati. Sembra anche che appena avuto conferme di esservene qualcuno ne hanno subito dato l'allarme alla comunità nazionale e internazionale.  Nei mesi scorsi uscirono alcune notizie che affermavano che in Cina si conducevano esperimenti su germi infettivi e che in particolare si ipotizzava che tale virus non fosse stato naturale ma una creazione artificiale di laboratorio. Venne citata una trasmissione televisiva in Italia del 2015 che parlava di virus di laboratorio in Cina. Sebbene non tutti confermano tale ipotesi, sembra che il fatto fosse noto già da anni e che cambia ogni ricostruzione dello sviluppo del suo contagio.  Tutto ciò porta a supporre che le autorità, venute a conoscenza di questi esperimenti, debbano aver iniziato a monitorare gli affetti da sintomi di malattie simili per fermare il contagio prima possibile.  Il fatto è più centrale di quanto si pensi a sentire le polemiche che sono sorte nel contesto internazionale di una  reticenza dei cinesi a rilasciare notizie sulla diffusione del virus. Senza troppo entrare nella contestazione, secondo questa ricostruzione, Il fatto che  i cinesi abbiano informato subito  la comunità internazionale del contagio  migliora solo un pò l'immagine che  hanno offerto con questi  esperimenti.  ( Maggio 20)

    • Gestioni patrimoniali: flusso di denaro o flusso di competenze?

    Una gestione azionaria oggi è regolata dalle leggi ed è impostata secondo criteri dettati dalle legislazioni sul risparmio gestito, principalmente adottate via Europa Unita secondo direttive in leggi nazionali. Originariamente infatti questa attivita' era terreno, e lo e' ancora, delle banche di affari o banche di investimento. La banca di investimento, rispetto alla banca di deposito ordinaria, si dota di un capitale di rischio azionario distinguendosi dal capitale di risparmio delle banche di deposito. Denaro di azionisti che viene investito in azioni nei mercati finanziari e non. Con l'evolversi dei mercati finanziari, in particolare nella normativa, trasparenza, rendicontazione, quotazioni in tempo reale e informatica applicata, l'investimento in azioni e' diventato oggetto di leggi specifiche. Sono cosi' nati i fondi di investimento. In Italia sono diventati legge nel 1983. Il fondo di investimento e' un ente privato detto organismo che raccoglie risparmio e investe in mercati azionari o monetari. In questa innovazione, si e' sacrificato un aspetto del rapporto tra risparmiatore e gestore, e cioe' il risparmiatore non e' azionista del fondo ma è solo titolare del diritto di una quota del valore patrimoniale netto del fondo mentre delega, su mandato, la gestione del denaro all'organismo fondo il quale opera per mezzo di manager specializzati.

    Esistono due tipi di fondi in essere. Vi sono i fondi comuni per cui I sottoscrittori acquistano, un diritto patrimoniale su una quota del valore netto di bilancio del fondo che viene calcolato dagli organismi su base giornaliera in base ai prezzi di mercato dei titoli in portafoglio.

    Vi sono I fondi cosiddetti chiusi o a capitale variabile, che sono delle societa' a se stanti nelle quali i risparmiatori sono invece titolari di una quota del fondo, e quindi con sovranita' sul denaro investito; questi fondi sono o quotati o a sottoscrizione.

    I fondi comuni sono soggetti a tariffe da parte dei gestori che variano, con costi costituiti da addebiti periodici a carico dei titolari e da costi che vengono detratti dal valore netto; esistono costi di ingresso e di uscita dal fondo. La commissione puo risultare in un costo annuale tra il 2 ed il 5 o 6%. Un aspetto del fondo comune è che anche se con i diritti patrimoniali, i sottoscrittori non contano nelle decisioni anche quando i fondi acquistano quasi partecipazioni di controllo in societa' quotate. Si puo' osservare che se la cosa puo' essere marginale per un individuo titolare di una quota di fondo, non lo e' per chi amministra i fondi che puo' decidere, senza rendere conto ai titolari delle quote, nelle aziende partecipate; un fatto che porta piu' vento in poppa a questi strumenti di quanto farebbe il semplice interesse del risparmiatore.  La stessa cosa non vale e non avviene per i fondi a capitale variabile dove il management deve rendere conto agli azionisti. In questi fondi il capitale e' tutto azionario , non vi sono tariffe a carico dei detentori di quote di costi di gestione che sono costi della societa' e l'utile e' interamente di spettanza agli azionisti anche se non necessariamente è distribuito per intero. Se lo strumento è quotato, il titolare puo' vendere come una qualsiasi azione.

    A questi schemi esiste una strada alternativa che e' quella di trasferire piuttosto che il denaro verso i gestori, la conoscenza tecnica dai professionisti agli utenti, lasciando a quest'ultimi la materiale gestione per mezzo degli intermediari di borsa secondo linee guida imposte da team di analisti. Questo processo presenta delle semplificazioni:  riduzione dei costi unitari all'aumentare del capitale, maggiore riservatezza,  minori responsabilita' (anche per gli analisti), minori rischi di abuso del rapporto fiduciario, minori costi di gestione e, a parita' di competenza finanziaria, maggiore sovranita' sul proprio denaro.    Gli svantaggi del rapporto linee guida sono che l'utente deve egli impartire gli ordini di acquisto e vendita all'intermediario  e i costi per investitori piu' piccoli possono essere piu' elevati della media.   Il fatto e' che questa strada tuttavia non e' molto percorsa.  Rapporti con linee guida agli investitori secondo criteri impostati per consentire la replica di gestioni, possono essere inviati periodicamente ai sottoscrittori eliminando la complessa macchina legale, fiduciaria e di rendicontazione costituita e connessa con il trasferimento dei soldi verso gestori. Il risultato gestionale, a parita' di competenza strategica, puo' essere di equivalente qualità. Nell'investimento azionario la parte grossa alla fine la fa la ricerca. Siffatto approccio risulta in una semplificata attivita' di controllo essendoci ovviamente meno ragione di garantire verso il pubblico la corretta e onesta gestione del denaro altrui che negli attuali organismi di gestione costa non pochi grattacapi alle authority. Considerando anche lo stato del sistema di giustizia caratterizzato da lunghi tempi e incertezze nei rimedi,  architetture operative piu' semplici come il trasferimento di competenze, possono risultare piu' auspicabili ed incontrare il favore degli utenti.Nell'insieme, il settore del risparmio gestito gioverebbe se si arrichisca la varieta' degli strumenti a disposizione per il pubblico nella direzione di promuovere un flusso di consulenze verso gl investitori/risparmiatori in formato di rapportistica standardizzato tale da fare il miglior uso possibile dello stato di know how della ricerca al minor costo possibile.

    (Febbraio 2020)

    ALTRI ARTICOLI

    •  Tasse sul reddito proporzionali progressive o regressive?

    Sull'onda della rivolta fiscale degli anni 80 negli USA, le aliquote di tassazione dei redditi di persone hanno avuto una forte riduzione attraverso tutti gli stati occidentali.con effetto ........( Febbraio 2020)

    • L'illusione ideologica

    In accordo con la questione ideologica tra capitale e lavoro, la ideologia comunista afferma che la classe imprenditoriale, detenendo la proprieta' dei mezzi di produzione, decide in azienda. Dice che ..........  ( Gennaio 2020)

    • Gestioni azionarie e gestioni immobiliari

    Dal punto di vista operativo, una gestione azionaria e una immobiliare sono prodotti abbastanza diversi. Una gestione immobiliare è il risultato del fatto che ciascun bene oggetto di gestione e' unico e richiede personalizzata amministrazione..........  ( Dicembre 2019)

    • Credito - Una possibile  misura  per la credibilità del sistema  creditizio Recentemente la banca d'Italia ha approvato, su direttive europee, delle misure  per controllare il flusso dei prelievi di contante dalle banche; una misura  che si collega a quella attivita' per prevenire ritiri di contanti dei depositanti.......  (Novembre 19)

    • Energia - La controversa  politica nucleare iraniana 

    Sale ancora alla ribalta la questione sull'uso del nucleare per questa nazione mediorientale. La questione e' meno intuitiva di quanto si legge dalle notizie e con dei risvolti economici che non hanno il dovuto rilievo..... 

    • Teoria economica - Tavole input/output

    Le tavole input/output sono dei prospetti riassuntivi di flussi di produzione tra vari settori di una economia.  Da una parte mostrano quanto ciascuna industria produce verso altri settori......... 

    • Previsioni -  La valenza delle serie temporali nelle strategie di investimento

    Tra le metodologie di economia applicata vi e' il Business Forecasting, una branca della statistica applicata con oggetto le serie cosiddette temporali che ottiene stabilire previsioni guardando solo all'andamento delle serie di dati di talune variabili......

    • La guerra commerciale tra gli USA e i paesi OCSE

    La guerra commerciale tra gli USA e i paesi OCSE impatta i conti nazionali delle singole economie. In questo breve paragrafo si spiegano alcune implicazioni economiche stimando gli effetti sulle singole economie.

    • Italia - ritardo italiano

    E' ormai consuetudine leggere nei rapporti degli istituti di previsione economica un ritardo crescita ormai consuetudinario dell'Italia rispetto ai paesi OCSE.